Categorie
Articoli del Blog Emilia e Terremoto Storie

L’Epoca delle Chiese Nuove

Mirandola.
Nel 1995 arrivò Scalfaro e la nominò Città, come recitava la lapide vicino all’entrata della sede comunale in Piazza Costituente. In realtà aveva già lo status di Città (sì, in Italia si diventa Città per legge: arriva il Presidente della Repubblica, raduna tutti i Sindaci in un capannone e fa, in piedi su una sedia perché sono in tanti e vuole parlare a tutti: “Allora”, e indica col ditino, “tu sei Città, e anche tu” voltandosi tre gradi a ovest, “e tu, tu, tu dietro e TU”, quasi urlando perché quel Sindaco è lontano. E i Sindaci esclusi chiedono “allora noi non siamo Città vero?”, e il Presidente della Repubblica, scendendo dalla sedia, dice “No Piove di Sacco, non sei Città neanche quest’anno”, e passando in mezzo alla folla di Sindaci radunati nel grandissimo capannone viene fermato altre quindici volte, e tutte le volte risponde “no, Maslianico, non sei Città; no, Lambrugo, non sei città; no, neanche tu sei Città, Cremella” e cerca di farsi spazio tra le fasce tricolori svolazzanti; e si crea un ingorgo perché i Sindaci dei comuni siciliani si scaldano più degli altri e lo pressano e allora, allertata dallo strattonamento, scende dal soffitto l’unica guardia del corpo appesa ad un’imbracatura, che tira su per le spalle il Presidente della Repubblica e lo porta al sicuro, sulle travi del tetto del capannone, mentre tutti là sotto iniziano a scaldarsi – quelli non nominati Città – mentre i Sindaci delle nuove e vecchie Città fanno comunella, si mettono in un angolo poco affollato e iniziano a scambiarsi i numeri di telefono dei centralini con la promessa di sentirsi ogni tanto per scambiarsi dei dati dell’anagrafe e di fare dei gemellaggi che poi, come ogni volta in quelle occasioni, si promettono ma non si mantengono mai, fanfaroni di Sindaci Cittadini), ma una conferma in occasione di un cinquecentenario non fa che piacere.

Mirandola è bella, ma chi ci abita più di due settimane, improvvisamente e quasi senza motivo, inizia ad odiarla.
Tutti, nessuno escluso, la odiano; ma non lo ammetteranno mai se glielo chiedi direttamente. Non c’è spiegazione al fenomeno.
“Come ti sembra Mirandola? In molti se ne lamentano…”
“Ma no, ma perché se ne lamentano che è così carina!”
Questa è la conversazione standard di una persona che si sente punta nel vivo in quanto appartenente alla comunità di Mirandola. Succede l’opposto nel caso un appartenente alla comunità ha l’opportunità, lo spazio retorico, per allargare la sua lamentela.
“Tu ti lamenti tanto di Grottolo sul Pendente (nome inventato), ma non vivi a Mirandola: fa S-C-H-I-F-O!”, senza portare prove a sostegno della sua posizione.

Tutto questo succedeva, nella Città di Mirandola, quando il terremoto non aveva ancora colpito. Il 2012 (anno bisesto e perciò, secondo saggezza popolare, anno funesto) ha fatto in modo di dare motivazioni ai mirandolesi che si lamentavano di Mirandola prima che di Mirandola, e del centro storico in particolare, non rimanesse che un mucchio di polvere in mezzo a dei ruderi, almeno per i primi pochi anni.
Il 2012 ha trovato il modo di dare ragione a quei poveri scemi, e questa è un’ennesima colpa di un anno che è stato talmente schifoso che non viene mai chiamato alle cene lavorative che gli Anni, ogni 31 dicembre, organizzano per celebrare la pensione dell’anno vecchio e l’inizio del lavoro del nuovo anno: quando l’Anno Uno fa il giro delle chiamate per chiamare tutti gli anni fa sempre in modo di non chiamare il 2012; a dirla tutta, non chiama neanche gli anni della Peste Nera, o il 1939; e a dirla ancora più tutta di prima, se può, evita di chiamare anche il 1977 che ogni volta che arriva inizia a parlare di politica e non smette più e annoia tutti gli anni divertenti come il 1969 e il 1492 e l’800 e il 1945…il 1977 con quella sua barba del cazzo e l’eskimo – o il loden, dipende da come gli gira.

Il 2012 si vede ancora, in giro, e penso personalmente si vedrà finchè la Città di Mirandola esisterà. Nel nome delle vie, questo senza ombra di dubbio: tanto che come i bimbi di oggi si chiedono perché siano tanto speciali il 4 novembre o l’8 agosto da meritare vie dedicate, i bambini di fra cinquant’anni chiederanno alla mamma che cosa sia successo di così tanto indimenticabile quello strano 29 maggio 2012.
Il 2012 si vede camminando, girando in macchina o aspettando un amico che deve uscire dal portone. Mentre lo aspetti ti giri, e ti trovi di fronte la selva grigia di tubi che sostengono la facciata della Chiesa del Gesù.

Il 20 maggio 2012, giorno della prima vera scossa di terremoto, andammo a San Felice (poi immortalato da innumerevoli servizi in tv nei mesi successivi nelle stesse modalità in cui vengono macinati per il pubblico i resti delle vite vissute dai sopravvissuti all’ultimo, in ordine di tempo, terremoto del Centro Italia) per osservare i primi grossi danni, che a quanto avevamo sentito erano già “grossi”, non sapevamo ancora che aggettivo utilizzare.
Pensate al vostro paese più vicino.
Pensatelo in macerie.
Spero vi siate avvicinati anche in minima parte a quello che abbiamo visto.
Arrivammo a San Felice sorridendo, e la lasciammo con il magone, entrambi, cercando di sdrammatizzare, con il cronometro che correva verso il 29 maggio; ma noi non lo sapevamo ancora.

La Chiesa del Gesù, di cui parlavo appena sopra, è un capolavoro delle prese in giro.
La Chiesa del Gesù, di fatto, non esiste più. Parlavo della facciata sostenuta dalla selva grigia di tubi: una griglia immane, un’impalcatura avvitata con i più sofisticati bulloni che la mente umana possa ideare (che sono pur sempre bulloni), impegnata a sostenere una facciata semidistrutta.
La tomba della famiglia Pico, o di alcuni dei Pico; in piedi da secoli.

E’ poco importante, in realtà, sottolineare da quanti secoli fosse costruita quella chiesa, o da quanti secoli sia costruito il vecchio palazzo comunale, o le altre chiese o i palazzi del centro storico, alcuni seicenteschi, o il Castello. Non è importante, ora.
Quando si parla di patrimonio di una comunità si intende dire che una comunità, cioè le generazioni prima della presente, quella prima ancora e così fino all’origine, alla nascita del patrimonio stesso, hanno vissuto intorno, dentro, in funzione e certe volte grazie a quella struttura, a quella chiesa, a quel palazzo comunale, a quell’ospedale; e quando un evento catastrofico trascina via senza volerlo (le placche tettoniche non hanno volontà proprie) un luogo che può essere a tutti gli effetti considerato patrimonio di una comunità, qualcosa in più viene cancellato.

C’è la storia di un nonno che, stanchissimo dopo una lunghissima passeggiata per il centro, sulla strada per casa, si ferma sui gradini della Chiesa del Gesù. E’ il 1934.
C’è la storia di due ragazzini che si rincorrono, scansando altri ragazzini vestiti con la tunica della comunione, in cui uno dei due inciampa finendo giù nella piazzetta della Chiesa del Gesù, che è più bassa rispetto alla strada, e rovina i pantaloni della festa, e ha paura di andare a casa perché sa che lo aspettano le sberle di sua madre. E’ il 1877.
C’è la storia di un ragazzo che vede, mentre scende i tre gradini della piccola piazzetta, una diciannovenne che sta per entrare nella Chiesa del Gesù; lei è poi la figlia del mugnaio di Medolla che è in città per trovare la zia, ma lui non lo sa, è interessato a cercarle il viso senza farsi troppo vedere, si vergogna. E’ il 1713.
C’è la mia storia: in una visita guidata nella Chiesa del Gesù la guida mi indica il simbolismo sui sarcofagi in pietra dei membri della famiglia Pico; da fuori, attraverso le vetrate e le fessure delle porte, arrivano gli schiamazzi dei ragazzi del Liceo, in ricreazione. Era il 2008.
Storie ammonticchiate, accumulate e dimenticate, tutte dimenticabilissime ma al contempo formanti una memoria collettiva, comune, legata ad un luogo di cui ora rimane una facciata lesionata e non ristrutturabile, coperta da una impalcatura costosissima e bruttissima fatta di tubi di ferro senza troppi fronzoli artistici. Dietro la facciata, niente. Nulla di quello che fa parte della memoria collettiva.

Siamo all’inizio di una nuova fase della nostra comunità. Molti dei nostri simboli sono nascosti da impalcature, molti altri sono andati persi o senza possibilità di recupero. Mi piace, però, vedere questa storia in prospettiva, ed è una prospettiva bella.
Quello che è perso, e non è replicabile, verrà sostituito da qualcos’altro. Non sarà mai la stessa cosa, e per noi le nuove chiese, le nuove case, il nuovo palazzo comunale non avrà nessuna memoria se non la nostra, la nostra esperienza diretta.
Ma proprio questo, in prospettiva, è stimolante: siamo i primi. Stiamo per vivere, e possiamo riportare a generazioni di persone come noi presenti nel futuro, quello che nel diciassettesimo secolo hanno vissuto i contemporanei dei grandi architetti barocchi.
La sensazione di entrare in una chiesa nuova, magari di essere i primi a pregare in quel particolare punto, prima di altre migliaia di persone, il primo anno in cui esiste quella chiesa, è strano. E’ anche difficile da capire, e non mi aspetto di essere totalmente chiaro in questo, ma è un po’ il concetto che ho espresso nel mio post di febbraio (Religione per uso personale) e lo trovo estremamente affascinante.
Spero di avere stimolato qualcosa in voi, spero di essere riuscito a spiegarmi in questo ultimo concetto ma non ve ne farei una colpa in caso contrario. Vi voglio bene lo stesso.

Categorie
Articoli del Blog Ironia Pensieri

La teoria dell’umore da macchina

ATTENZIONE: ogni teoria qui sotto descritta NON E’ DA CONSIDERARSI ATTENDIBILE, nè l’autore così imbecille da prendere ogni cosa che scrive per realistica o reale. Non sottovalutate l’autore più di quanto non meriti.


Non credo sia una follia: quando siamo da soli, si cambia atteggiamento, si cambia modo di pensare, alcune volte può capitare di ragionare meglio sulle cose, di calmarsi. Da soli, si può dire tranquillamente, spesso si sta meglio. Si devono fare i conti con solo una persona, non si litiga nè si discute, ci si dà quasi sempre ragione (talvolta capita di darsi torto da soli). Succede a tutti, è normale.

Credo però di poter formulare una teoria basata sulla mia diretta esperienza che mi sbalordisce ogni volta che ci ragiono su.

Io credo che, quando si è da soli, l’umore e il modo di pensare cambi a seconda delle dimensioni dello spazio in cui ci si trova. Porto vari esempi a supporto della teoria.

Da soli, in una camera da letto.
Una camera da letto, mediamente, è grande abbastanza da ospitare un letto, un comò, un armadio, varie altre suppellettili. Diciamo pure che in media una camera da letto è, tra gli spazi chiusi in cui ci si può trovare da soli, il più comune e sicuramente uno dei più grandi.
In una camera da letto (in questo caso specifico, la mia), ho potuto notare come il mio umore sia, nella maggior parte dei casi, cupo, poco creativo, variamente grigio, tristemente monotono, scarsamente propenso alla gioia.

Secondo esempio: la doccia.
Si sa, è meglio docciarsi in compagnia, ma non è sempre possibile. In realtà, è un evento purtroppo molto raro.
Nella vita quotidiana di una persona, la doccia è senza ombra di dubbio lo spazio più stretto in cui si passi svariati minuti. A parte un ascensore, nel quale la permanenza per svariati minuti potrebbe essere sintomo di un problema all’ascensore stesso.
Ho sperimentato, nelle varie decine di docce che ho visitato nel corso della mia carriera da umano, un fatto insolito: cresce la voglia di cantare, aumenta il numero di idee innovative e creative prodotte dalla mia mente, ho addirittura notato un’impennata della mia generale voglia di vivere.
Ora, non so se questo sia dovuto al fatto che una persona pulita è una persona felice, ma in generale in doccia si pensa di più e meglio.
E POI IN THE SIMS TUTTI I PERSONAGGI SOTTO LA DOCCIA CANTANO, prova in più a supporto della mia teoria.

Per ora, abbiamo già due dati importanti:
Camera da letto = Spazio Largo = Umore grigio
Doccia = Spazio Ristretto = Umore solare

Ora, c’è un luogo di dimensioni intermedie, non grande come una camera da letto, e non piccolo come una doccia, in cui molti di noi passano moltissimo tempo da soli. A meno che non facciano car pooling, o che non abbiano una persona estremamente appiccicosa al proprio seguito.
Questo luogo è l’automobile.

Se nei luoghi grandi c’è dispersione delle energie positive, e nei luoghi ristretti c’è concentrazione delle energie positive, nella propria macchina l’umore è mutevole.
Sicuramente, le dimensioni in questo caso contano, eccome se contano: i maranza col SUV sono sempre incazzati, mentre non vedremo mai nella vita un tizio su una Smart triste. Gli smartisti sorridono, tutti. Cazzo c’avranno da ridere, direte voi. E’ LA DIMENSIONE DELLA MACCHINA! (infatti si chiamano smartisti, mica smartristi. eh va be’)

Negli spazi di dimensioni intermedie come una macchina che non sia un SUV o una Smart, prendiamo d’esempio una Punto del 2003, l’umore viene indirizzato dagli eventi, dalle sensazioni che si catalizzano su particolari cose. L’energia positiva e la negativa si equivalgono, perciò si canta a squarciagola una canzone carica di energia positiva, ma si rischia dopo pochi minuti di crollare nel mondo di mezzo della depressione se ti capita la canzone sbagliata.
Diciamo che una macchina di dimensioni medie permette all’energia positiva di non disperdersi troppo, ma una Punto non è abbastanza Smart per concentrare la gioia in poco posto, perciò il corpo attira l’energia positiva quando ce n’è più bisogno ma la caccia lontana quando si deprime.

Con una canzone evocativa al punto giusto, poi, facendo l’esempio più estremo, si possono sperimentare sensazioni uniche, tipo sguardo nel vuoto e ragionamenti sulle domande fondamentali della vita: perchè Trenitalia è sempre in ritardo, come si fa l’omelette perfetta, perchè non trovo una moglie rossa e intelligente. Cose belle e profonde, insomma.

E comunque, a ennesima riprova della mia teoria, dico la seguente constatazione, che chiude anche il post: si parla di “ridente paesino”, piccolo e circoscritto, ma mai di “ridente metropoli da 13 milioni di persone”, perchè è troppo grande…troppe energie disperse. Il paesino è piccolino, circoscritto, tutto raggrumato e piegato su sè stesso: ridente per forza.
Tipo Garlasco, Cogne, Città di Castello, Novi Ligure, Erba. Tutto perfetto, diciamo.