Ti dimentico, ma lasciami godere

Goduriosi ettari di terra si stendono sotto le gomme della mia macchina, calde com’è calda l’aria che respiro, attraverso le immonde bocche plastiche del mio cruscotto; sgocciolo per pochi istanti i miei pensieri su di te, appena prima di intonare ancora una canzone a squarciagola, tra i vetri chiusi che mi scaldano ad effetto serra […]

Read more "Ti dimentico, ma lasciami godere"

Il punto più bello dell’estate è quando è finita e ti godi il ricordo

Nel mio piccolo, minuscolo paese, la piccola, minuscola sagra finisce, portando nel suo sacco pieno di giostre, tzigani, estratti di maiale, pesche miracolose e gloriose cantonate, anche gli ultimi scampoli dell’estate. Torrida, fastidiosa, irragionevole ed insopportabile, ha lasciato solo la sensazione di non essere mai arrivata, insieme alla pelle appiccicosa per l’eccesso di umidità. E […]

Read more "Il punto più bello dell’estate è quando è finita e ti godi il ricordo"

Buddismo alla bolognese

Io lo so, prima di essere me stesso, nella mia vita precedente diciamo, ero un fuorisede spiantato. Attaccato come la muffa alle mura affittate da qualche vecchia riccastra di quel mio scalcagnato appartamento in via Sant’Apollonia, lontano da tutto ma vicino agli spaccini, vero perno della vita universitaria della mia vita precedente. Via Sant’Apollonia, sì. Le […]

Read more "Buddismo alla bolognese"

Per ogni goccia che cadrà, nuovo disagio nascerà

“Sì ma lo sai com’è, dai…lo sai bene!”. Pausa. Sorso. “Sai che doveva capitare…e lo so che non si è mai abbastanza pronti per certe cose, ma cazzo…vuoi proprio che tutto il mondo stia ad aspettare te?”. Non lo volevo, neanche per sogno. E’ quello che mi hanno sempre rinfacciato: egocentrismo, mania di protagonismo. Non […]

Read more "Per ogni goccia che cadrà, nuovo disagio nascerà"

Il risveglio dei sensi e la paura di godere

Marzo. Ho ancora i coriandoli di Capodanno tra i capelli, ed è già marzo. Sento già il caldo del sole che non sa più autoregolarsi a temperatura media, come primavera suggerirebbe, e io mi trovo ancora a pensare che l’anno scorso sia stato il 2013, e non il 2014. Sono anni veloci, fantastici e pieni […]

Read more "Il risveglio dei sensi e la paura di godere"

Tanto tuonò che piovve

“Che poi, voglio dire, noi adesso l’abbiamo fatto no?” “Mmh.” “Oh” “Mmmh!” “Noi l’abbiamo fatto, ma ci andava davvero di farlo?” “…che cosa stai dicendo?” Continua a guardare nel vuoto, con le mani dietro la testa e quel mozzicone spento di sigaretta in bocca. Ormai il filtro è solo una spugnetta piena di saliva, residui […]

Read more "Tanto tuonò che piovve"

Prima di tornare da un lungo viaggio

Non riesco a dormire. Forse non voglio dormire, anche perchè il sonno c’è tutto. Mi viene da pensare agli hostess di volo. Come in qualsiasi viaggio aereo, iniziano con il balletto delle uscite d’emergenza: ti spiegano dove scappare, come respirare, di stare tranquilli se la mascherina non si gonfia perchè il flusso d’aria parte lo […]

Read more "Prima di tornare da un lungo viaggio"

Torno presto, Madre Bassa.

Le partenze mi lasciano sempre un po’ insicuro. Poche ore prima di partire per viaggi che richiedano un biglietto aereo, mi si svuota la pancia e inizio a chiedermi se avrei dovuto farlo, di prenotare tutto, di organizzare e impegnarmi. E’ come se sentissi che questa mia bella, gloriosa, contadina terra modenese mi abbia consegnato, […]

Read more "Torno presto, Madre Bassa."