Macchine da scrivere?

Una macchina da scrivere. La prima volta che ne ho vista una è stato nel seminterrato di mio nonno, il materno. In realtà ne aveva tre, una più bella dell’altra: una vecchissima, nera e pesante come un sacco di cemento; l’altra era molto simile, ma con ancora più decori sul coprinastro. La terza era più …

Annunci

L’Epoca delle Chiese Nuove

Mirandola. Nel 1995 arrivò Scalfaro e la nominò Città, come recitava la lapide vicino all’entrata della sede comunale in Piazza Costituente. In realtà aveva già lo status di Città (sì, in Italia si diventa Città per legge: arriva il Presidente della Repubblica, raduna tutti i Sindaci in un capannone e fa, in piedi su una …

Via del Mare (ovvero: scritto per un concorso perso)

Dopo l'intrinseca velocità data dalla spensieratezza della giornata che si avvia alla fine, la banchina riposa. Rallenta il respiro del paese che, come ogni anno e in modo sempre più triste, si avvia alla chiusura della stagione. Nei negozi di regali e ricordi che punteggiano la strada parallela alla via del mare si percepisce negli …

Un Sabato Italiano

Correva l'anno XIV E.F., che corrisponde al 1936. Era un sabato di un aprile già particolarmente caldo, e noi nuotavamo in uno di quei climi che nella bassa padana cuociono le braccia degli agricoltori, rendendole dorate fin dai primi giorni di maggio. Le nostre piccole divise, perfette in ogni dettaglio, risaltavano nere sulla terra chiarissima …

La procrastinazione è una malattia. Curati più tardi.

"Dovrei proprio mandare questo messaggio, giusto per tenere l'attenzione alta su questa cosa nel gruppo Whatsapp. Adesso lo mando." Ma le mani non si muovono. Cosa ti succede? Fino a due secondi fa non eri tetraplegico, nè avevi le dita anchilosate. Controlli meglio: stai facendo altro. Il piccolissimo centro di controllo nel tuo cervello si …

“Un’ultima cosa inutile”, c’era scritto.

"Non ti meriti nessuna delle mie ubriacature, dei miei sbandamenti, dei miei ripensamenti. Vado dritto come un fuso verso il nulla pur di non tornare indietro. Non vali un'unghia delle persone che ho amato veramente, e non ho sacrificato che quarantotto ore sull'altare della tua memoria, insieme a quel poco di speranza che tu non fossi …