Questa Minchia di Università

Ebbene sì: dopo cinque anni di rapporto altalenante con l’istituzione universitaria causato principalmente da me e dalla mia scarsa predisposizione allo studio fine a sé stesso e senza scopo se non quello di sfangare interrogazioni, verifiche o esami scritti e orali, a breve mi laureerò anche io. Dopo decine e decine di persone conosciute e […]

Read more "Questa Minchia di Università"

Una storia lunga un passo

La bellezza (esteriore) di certe persone è destabilizzante. Camminano verso di te sotto i portici, umani come te, ma in un certo senso di un’altra specie. Non c’è uno standard, non esiste un’asticella o una valutazione finale, o almeno non si può essere giudici efficienti nell’arco di venti passi: ci sono, però, caratteristiche fisiche che colpiscono. […]

Read more "Una storia lunga un passo"

Potrei

Un appartamentino di 50 metri quadrati. L’aveva arrangiato in un modo molto poco maschile, c’era da essere onesti: ben organizzato, sembrava molto più grande. Diceva a poche persone che aveva arredato il suo piccolo spazio vitale seguendo le istruzioni di un interior designer annoiatissimo che teneva la sua rubrichetta in uno di quei trimestrali femminili che […]

Read more "Potrei"

Buddismo alla bolognese

Io lo so, prima di essere me stesso, nella mia vita precedente diciamo, ero un fuorisede spiantato. Attaccato come la muffa alle mura affittate da qualche vecchia riccastra di quel mio scalcagnato appartamento in via Sant’Apollonia, lontano da tutto ma vicino agli spaccini, vero perno della vita universitaria della mia vita precedente. Via Sant’Apollonia, sì. Le […]

Read more "Buddismo alla bolognese"

La solitudine di gruppo – Via Zamboni

Silenzio. Nessuno parla.Due tecnici della sala studio parlano sottovoce frasi incomprensibili; si alza una testa o due, forse è fastidio, o mal di collo. La sala gigante è piena di persone, eppure quando si entra dà la sensazione di essere vuota. I miracoli dell’Università. Scassati e freschi come il latte da quattro giorni nel frigo, […]

Read more "La solitudine di gruppo – Via Zamboni"

Dedicato a una persona che non si accorgerà mai di niente

Si sfiora le mani come in una quotidianità che è ancora taboo mostrare in pubblico; sfiora con le punte delle dita i palmi, i polsi, le braccia fino alle spalle, e ritorno. Non è sessualità, è qualcosa di psicologico, di mentale: è una conoscenza del proprio corpo che rende giustizia alla meravigliosa immagine che dà di […]

Read more "Dedicato a una persona che non si accorgerà mai di niente"