E se ti dicessi che…

In tutti questi anni, ho avuto parecchie storie. Non mi ricordo nemmeno tutti i nomi. Molte persone sono state grattate via dal muro dei ricordi come le etichette adesive attaccate al legno: se le tiri via con le unghie vengono via male, rimane sempre la colla e un po’ di carta, ma diventano illeggibili e dopo un po’ di mesi non ti ricordi più cosa quell’etichetta fosse lì a fare.

La mia prima storia è stata straziante, e dopo un anno dalla fine ero ancora lì a stare male, non sopportavo l’idea che la mia prima storia (impegnativa, sostanziosa, la vera storia delle prime esperienze, la storia dell’indipendenza) potesse finire, e fosse finita.

E’ scattato un meccanismo che mi ha portato a cancellare le sconfitte con altre battaglie, tutte regolarmente perse. Il non accontentarsi di quello che avevo è stato sempre il mio mantra, il mio movimento interiore.

Un domino: cancellare le sofferenze con altre storie, cioè con altre sofferenze. Siamo delle cortecce sulle quali i nostri cuori incidono con un punteruolo le proprie iniziali, ma iniziamo a sanguinare solo quando i cuori si separano.

(oh santo dio cos’ho scritto…)

La mia ultima storia, come tutte le altre, mi ha fatto vedere una cosa veramente fastidiosa.

Puoi fregartene finchè ti pare, può non essere la storia che volevi, può non essere la ragazza fatta per te, può avere mille, tremila, ventimila difetti uno diverso dall’altro, ma quando finisce la storia prima o poi ti mancherà. E’ questa la cosa fastidiosa: la odi, sai che vi siete mollati per giustissime ragioni, per motivi acclarati di incompatibilità, ma ti manca se la vedi per foto di sfuggita, o se senti di lei in giro.

Poi vedi le coppie felici, solide, con mille problemi ma sempre con davanti l’affetto reciproco di coppia come faro illuminante, come motivo per trovare soluzioni ai problemi. Quelle coppie composte da una bella ragazza, di solito un 4,5 oggettivo sulla scala Roickter, con un ragazzo normalissimo, non brutto sicuramente ma non Alain Delon nè Alex Gaudino (perchè Alex Gaudino?), che vivono bene. Insieme.

Su tutte le storie che ho avuto, non ho mai vissuto una cosa così puramente semplice. Lo stare bene insieme, il considerarsi parte di una coppia. Ho sempre avuto la sensazione di non venire considerato come l’unico ragazzo, come un’opzione anche a storia avviata.

Non mi sono mai “accontentato”. Quando la ragazza era bellissima, finiva perchè lo voleva lei. Quando la ragazza era intelligente ma carente fisicamente, finivo io, per egoismo.

Non riesco a fingere. Devo ancora maturare questo lato di me. Sono ancora un po’ acerbo su un lato.

E se ti dicessi però che una storia così, ogni tanto, mi manca? Una storia semplice, con una ragazza di cui poter essere orgoglioso all’80% (intanto nessuno è perfetto, ma almeno un’ottima compatibilità è un requisito minimo).

Lo sapremo solo nelle prossime puntate…

Annunci

8 Replies to “E se ti dicessi che…”

  1. Sì, anch’io era arrivata alla tua stessa conclusione: cercare una storia semplice. Poi mi sono accorta che, non essendo una persona semplice, stavo cercando l’impossibile.

    1. E’ la stessa identica conclusione a cui sono arrivato io…solo che non potendo usare troppo delle sintesi, almeno per quanto riguarda il blog, forse non è risultato come ragionamento conclusivo.
      Di solito, le ragazze con cui sto si stancano perchè non sono molto comprensibile, non sono semplice, e forse anche per quello non riesco mai ad avere, in una storia, la “normalità di coppia”, la routine, la tranquillità. Da una parte dico che l’essere diverso mi salva dal conformismo, dall’altra però mi manca sempre di più.

  2. Tutti non cerchiamo altro… qualcuno che ci capisca e che ci accetti per quello che siamo… esseri umani imperfetti… Cerchiamo qualcuno che ci consideri perfetti, nella nostra imperfezione… Un pò tutti ci sentiamo così… e comunque avevo ragione 😉

  3. E se ti dicessi che dovresti smettere questa ricerca estenuante e iniziare a selezionare un po’ di più le “portate” che ti vengono offerte?
    Ti voglio bene 🙂

  4. tutti noi cerchiamo il complicato, ci mancherà sempre qualcosa nella notrsa vita, può essere una persona, un’emozione o qualsiasi altra cosa, non possiamo avere tutto nella vita, se ti manca una relazione semplice e non riesci a farla mandare avanti credo che voglia dire che hai già superato questo passo, e adesso sei pronto a relazioni serie

  5. Secondo me non esistono storie semplici, esistono persone che le fanno sembrare semplici con il loro comportamento, con la loro sintonia quasi perfetta… ma per arrivare a questo punto serve un gran impegno, tanta pazienza e tanta forza. Ti consiglio di ascoltare “la costruzione di un amore” di fossati, è incredibile quanto riesca a trasmettere la fatica e l’impegno che un grande amore richiede e allo stesso tempo anche la gioia e lo stupore nel vederlo crescere. Te la consiglio!

    (bel blog 😉 )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...