Le sei di domenica mattina

Cambia prima l’orario che le cattive abitudini.

“Siamo solo noi, che andiamo a letto la mattina presto, e ci svegliamo con il mal di testa”

Stamattina erano le sei, e l’unico indizio che ho avuto a disposizione per intuire l’orario è stato il cielo che da nero e buio come la stanza si era fatto, senza avvertire nessuno, blu: sempre scuro, ma quel blu che sta lì a dirti “Ma ti rendi conto di che ore sono?!”.

Il cielo, certe mattine, ti redarguisce solo cambiando colore: come solo una moglie in un matrimonio ventennale può fare, cambiando però colore del volto.

Sottovoce, tutto sottovoce, come a far finta di non essere lì, al buio, a rivestirci.

Ci metti due passi – uno prima e uno dopo lo stipite della porta – per focalizzare meglio qualcosa di particolarmente surreale.

Il cielo, blu in schiarita, è coperto solo fino a metà. Come fosse stato colorato da uno scolaro elementare non particolarmente capace a colorare. Un quarto, quello in alto, blu, tre quarti in basso neri: le due sezioni divise da una linea irregolare, come una cresta montuosa.

La pianura padana s’è fatta montagna, ho pensato stamattina.

Sono entrato in quella casa in pianura, sono uscito con una vista sull’altopiano più bello del mondo: la mia pianura s’è fatta montagna per qualche ora.

Non ho fatto nemmeno foto, visto che sarebbero apparse sfuocate o terribilmente stupide.

Non ho fatto nemmeno una foto al riflesso della luna, che mi rincorreva nel fosso rigonfio d’acqua, mentre andavo rilassato correndo con la macchina.

Non puoi registrare tutto con dei fotogrammi, ma sicuramente commetti un crimine contro la natura e contro la bellezza se non fai di tutto per ricordare certe suggestioni.

Annunci

One Reply to “Le sei di domenica mattina”

  1. Oddio… Che genuinità commovente da tanto è bella e che poesia le tue parole che documentano una realtà ed è veramente splendido lasciarsi affascinare da ciò che ti viene regalato, eh sì! Comunque bel blog sia strutturalmente, ma di più per ciò che documenti… Io apprezzo i blog, se curati, e lo vorrei creare anche io, è solo che mi è difficile curare un blog… Ma tu continua a documentare ciò che vivi, perché è veramente bello leggere e gustare ciò che scrivi… Puoi arricchire anche con qualche foto a tema(vecchia o nuova)… Io continuerò a seguirti, che tu legga o meno ciò che scrivo, sappilo!

    Alberto(Albi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...